.
Annunci online

percui
quando si fece buio qualcuno bussò per entrare
 
 

BLOG A CURA DI GIOVANNI GIALLOMBARDO
5 novembre 2018
La rotatoria (3)

Lo scorso 27 agosto, all'insaputa del XV Municipio, sono iniziati i lavori per la famigerata rotatoria a La Giustiniana. "Famigerata" perché lungamente e inutilmente (fino ad oggi) attesa da automobilisti, cittadini, (alcuni) giornali e (molti) politici locali. "Lungamente attesa" perché con la rotatoria verrà eliminato il semaforo che - è opinione diffusa - causa le interminabili code nel tratto La Storta-La Giustinina. I lavori dovrebbero durare 120 giorni e poi, come d'incanto, risolvere completamente i problemi di traffico della zona.

Ora qualche dubbio ha cominciato a serpeggiare anche tra i più accaniti e storici difensori della rotatoria in questione. Complice forse il fatto che i lavori sono fermi da qualche settimana (pare per qualche difetto nella progettazione o esecuzione, quisquilie) o la vista di una rotatoria che sembra più un'isola spartitraffico (tra l'altro decentrata), più di qualcuno ha cominciato a sostenere che il problema delle code non potrà essere risolto da una siffatta rotatoria. E se le code, si è cominciato a sussurrare, oltre che dalla presenza del semaforo, dipendessero dalla confluenza di due strade ad alto scorrimento (la Braccianese e la Cassia) e dalle troppe auto che vi transitano tali da creare un vero e proprio effetto imbuto? In fondo basta (bastava) percorrere la strada di buon mattino quando ancora il semaforo è lampeggiante (e, quindi, è come se non ci fosse!) per rendersene conto.

Mentre continuiamo (e continueremo) a stare in coda, già si intravede il finale. Se - prima o poi - la rotatoria dovesse essere ultimata, si leverà un coro di voci sull'inutilità o l'errore di realizzare una tale opera, e per corollario affermazioni del tipo "la rotatoria non serve”, "il progetto era un altro”, ecc. Del resto si sa che le vittorie hanno molti padri e le sconfitte sono orfane.

Intanto torna a risuonare la campana dell'unica vera, rivoluzionaria e stavolta definitiva, soluzione al problema del traffico tra La Storta e La Giustiniana: il prolungamento della Braccianese bis. Dunque un'altra strada, altre auto, altro traffico. Perché la parola che sottende tutto è "fluidificare" il traffico. Con buona pace di chi vorrebbe puntare ad una difficile ma non utopistica mobilità dolce e sostenibile, una mobilità alternativa che a La Storta e La Giustiniana in fondo ha già una buona base di partenza: il treno.

Le altre puntate, nella rubrica "Il Ponentino", sono del 24 ottobre 2010 e 21 settembre 2011

sfoglia
febbraio       
Ultime cose
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
Feed
blog letto 75441 volte